Divisione libri e commercio dei media

Presso la divisione libri e commercio dei media di syndicom sono organizzati i dipendenti delle librerie, gli intermediatori nel commercio librario e le case editrici. Nel commercio librario della Svizzera tedesca trovano occupazione all'incirca 2400 persone, nella Svizzera romanda 700 e in Ticino circa 70 dipendenti. In totale sono presenti approssimativamente 580 librerie. Tra queste rientrano le grandi catene «Orell Füssli Thalia SA», «Lüthy/Stocker/Balmer» nella Svizzera tedesca e «Payot» nella Svizzera romanda, oltre che indicativamente 500 librerie di dimensioni più piccole.

Novità della tua divisione

09 marzo 2017 |

«I libri mi piacciono stampati»

La vasta scelta della libreria di quartiere di Oerlikon rispecchia le passioni della libraia Nicole Schmid. Da sempre, s’interessa di politica, d’arte, di narrativa, di lirica e di fumetti. Inoltre pittura, disegna e adora...Maggiori dettagli


1 2 3 4 5 6 7 avanti

Processo di concentrazione nel commercio librario

Dagli anni Novanta il settore dei libri è caratterizzato da un processo di concentrazione. Le catene hanno rilevato o soppiantato molte librerie indipendenti. Inoltre aumenta costantemente la quota di mercato del commercio librario online, il che mette sotto pressione il commercio a livello locale. Quest'andamento viene rafforzato da una crescente digitalizzazione.

Contro la liberalizzazione degli orari di apertura dei negozi

Il fulcro delle attività di syndicom è costituito dal miglioramento delle condizioni di lavoro nel settore librario. Ci impegniamo nella politica settoriale e per la cultura e nell'ambito del perfezionamento. Grazie a degli incontri a livello locale promuoviamo lo scambio di idee tra gli iscritti. Da anni ci impegniamo contro la liberalizzazione degli orari di apertura dei negozi: non in tutti, ma in molti cantoni siamo stati in grado di evitare, insieme ad altre organizzazioni, i tentativi di liberalizzazione.

Ogni anno nuove trattative salariali

Uno degli aspetti più importanti è costituito dalla politica salariale. In virtù di un salario medio di 4300 franchi (rilevamento 2007), i salari nel commercio librario sono molto bassi. Grazie ai due contratti collettivi di lavoro (CCL) nella Svizzera tedesca e nella Svizzera romanda, i salari vengono negoziati su base annuale e, di norma, incrementati.

Contatto

Direzione della divisione: Roland Kreuzer

 

Membri del comitato di divisione: Anna Mori (copresidentessa), Barbara Aebi (copresidentessa); Angela Kindlimann, Fabio Mussi, Schira Netser, Tim Gallusser, Tristan Pfaffen.

Referenti:

buchanti spam bot@syndicomanti spam bot.ch

RSS